Hotel San Marco, Bergamo

Se oggi sono il computer e lo smartphone (non più il cane) a essere il migliore amico dell’uomo, se è cambiato il modo in cui ascoltiamo la musica, se il cellulare è diventato un apparecchio tuttofare, molto del merito è suo. Di un californiano geniale e irascibile che si è ispirato a Bob Dylan e a Picasso: è Steve Jobs, l’inventore della Apple, che il 24 febbraio 2016 avrebbe compiuto 61 anni.

Alcuni aspetti della sua esistenza sono stati avvolti dal mistero, a partire dalla nascita: di certo si è sempre saputo che avvenne il 24 febbraio 1955. Dove? Già qui si aprirono le dispute. C’è chi dice che Jobs sia nato a San Francisco (California) e chi sostiene che il piccolo Steven Paul sia venuto al mondo nel Wisconsin. Apple, ufficialmente, si è sempre rifiutata di fornire questa informazione. Finchè la biografia ufficiale di Jobs svelò l’arcano: era nato a San Francisco. Il padre era uno studente siriano, Abdulfattah “John” Jandali, che sarebbe diventato in seguito un professore di scienze politiche.